13
Mag
09

this is MY BLOODY VALENTINE.

ieri sono stata al cinema. se vi dico che mi piacciono tantissimo i film horror secondo voi cosa posso aver visto?

si.

My Bloody Valentine (San Valentino di Sangue) 3D – Get Your Heart Broken.

my_bloody_valentine_3d_movie_poster1 my-bloody-valentine

quando ti piacciono i film dell’orrore se un film è “così così” lo vedi da subito. ma gli diamo una seconda possibilità.

inizia.

una gentile voce fuori campo ci mette a conoscenza che nella ridente cittadina di Harmony negli anni tot è avvenuto questo Valentine’s Day Massacre. un pazzo psicopatico ha fatto una strage prendendo a picconate la gente.

tutto ruota intorno alla miniera. nella -sempreecomunque- ridente cittadina di Harmony è la miniera che porta avanti la baracca. ma aimè accade la prima disgrazia, un crollo. un tizio, Harry Warden va in coma. porino. peccato si svegli nel giorno di San Valentino e cominci a coltivare la sua passione di picconare la gente (come sopra). luogo del fattaccio è, precisamente, la galleria n.°5 usata ormai come ritrovo dei gggiovani. ci sono 2 coppie di amici, pare si stiano divertendo ma salta fuori lo psicopatico e ammazza tutti tranne loro. viene beccato dalla polizia. gli sparano. sono convinti che sia morto. ma in realtà non si sa.

salto avanti. 10 anni dopo. ritorna il potenziale psicopatico in corrispondenza dell’anniversario della strage precendente. bene.

vi elenco i personaggi (con qualche spoiler, ma vi assicuro che non vi cambia niente).

– uno è Kerr Smith, no dico, Kerr Smith! il frocio di Dawson’s Creek! lui fa Axel Palmer che “10 anni dopo” diventa lo sceriffo della cittadina (bellissimo!).

– poi c’è la sua ragazza (al tempo), Betsy Rue aka Irene (bionda e zoccola, morirà  nuda sotto la rete di un letto dopo essere stata con un camionista).

Jensen Ackles aka Tom Hanniger personaggio disturbato che da gggiovane sta insieme a

Jamie King, Sara Palmer, che “10 anni dopo” diventa la moglie stracornuta di Axel/Kerr.

un casino, soprattutto perchè le ragazze e le amanti si confondono ed è un gran casino capire chi scopa con chi.

non vi annoio con la trama completa che potete comodamente leggere qui.

le cose divertenti sono state:

guardarsi in giro e vedere un branco di pirla con degli occhiali assurdi.

il personaggio più figo di tutti è un minatore dal rosso pelo che combatte contro il picconatore. ok, lo ammazza eh, però lotta. perché il rosso è malefico.

sono dell’idea che se in un film horror c’è una scena di sesso nei primi 15 minuti significa che fa schifo. qui il 3D ha fatto si che tutti gli dessimo un’altra chance e io sono convinta che mentre Irene cavalcava il camionista qualche manina in modalità palpatina in direzione delle sue tette si sia alzata.

le scene degli inseguimenti sono tutte uguali: la tizia corre, si volta, guarda il suo assassino e voltandosi inciampa e muore. cocca cosa ti giri a fare? a vedere quanto distacco hai? tanto ti raggiunge e pure camminando, senza fare neanche tanta fatica; quindi non perdere tempo a girarti che tanto inciampi. la conclusione a cui siamo arrivati è stata: “ma a lei puzza la vita eh!”.

e tra l’altro, se devi scappare e sei su una strada cosa fai? entri nel primo bosco che trovi. perché è buio, pericoloso ed un bel posto per morire.

se sei davanti al portone di una miniera di notte e ti viene voglia di aprirla già sei un pirla. se la apri ugualmente sei pirla due volte. se una vocina ti fa capire che non è la cosa giusta, ti devi girare e levarti dalle palle. se fai due passi verso la ragione ma il portone si apre da solo NON è un segno del destino. è la sfiga che si prende gioco di te.

il poliziotto nero è un personaggio insignificante ma noi tutti abbiamo pensato, colti da mille dubbi, che potesse essere il picconatore.

e qual è la prima cosa che dici quando qualcuno di apparentemente pericoloso ti rincorre? “vaffancculo” ovvio no? ma che senso ha? “vaffanculo strozo? cosa vuoi da me?”. devo dirti la risposta?

bellissimo il vecchietto che si ubriaca in casa. è una cosa possibile no? siii. una cosa divertente ma meno probabile è che lui di fianco alla poltrona abbia un fucile da caccia e le pallottole nella tasca della vestaglia. fa molto Clint Eastwood, bellissimo.

le mie urla non sono state molte, ma nel momento in cui, dopo l’ennesima scena da coccolone, quello davanti a me si gira significa che il mio urlo si è fatto sentire.

AGGIORNAMENTO

questa affissione alla stazione Termini di Roma.

sanvalentino


4 Responses to “this is MY BLOODY VALENTINE.”


  1. maggio 13, 2009 alle 3:25 pm

    Buahahahaha! Ma era un film comico??😄 non devi chiamare “cocca” ragazze che stanno x morire…nn m porta bene😀

  2. maggio 13, 2009 alle 3:36 pm

    @Rox: ahahah è vero! non lo faccio più😛

  3. 3 Olga
    settembre 29, 2009 alle 1:05 pm

    ahahah..l’ho visto ieri xD ma nn in 3d k sarebbe stato sicuramente diverso ^^ cmq sn d’accordo cn te.. alla fine m’ha fatto più ridere..o skifo a seconda ,che paura..

  4. settembre 29, 2009 alle 2:13 pm

    🙂 già! carino da vedere, quello si, ma non è un filmone🙂
    ora tocca a Drag Me To Hell ahahah😄


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


i write, you read

contact

miriam.pittioni@gmail.com [Gtalk] miriam pittioni [skype]

I heart FeedBurner

Add to Technorati Favorites

Così tanto tempo e così poche cose da fare..

maggio: 2009
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Aggiornamenti Twitter

MYTUBE

Who's william_perry?

I wonder if you think of me when you can't fall asleep at night.

Covered.

Hear from you soon.

Doesn't mean I'm lost.

Be mine.

Stolen #01

Altre foto
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: